“Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.“

Psicobiotici

Visite: 615

I psicobiotici

Nuove ricerche suggeriscono che i probiotici possono offrire un'opzione alternativa alle terapie per la depressione e per gli altri disturbi psichiatrici, esaminando l'effetto dei cosiddetti "psicobiotici", denominati in questo modo in seguito a recenti studi che hanno iniziato ad esplorare un possibile legame tra probiotici e comportamento.

Numerosi studi preclinici hanno mostrato un legame positivo tra i probiotici specifici ed effetti comportamentali, soprattutto quello dove dei ratti, con comportamenti depressivi derivanti dalla separazione materna, hanno avuto un comportamento normalizzato e una risposta immunitaria migliorata dopo l'ingestione del probiotico Bifidobacterium Infantis. Si ha nell'età adulta circa da 1 a 2 Kg di batteri vari nell'intestino, in grado di produrre centinaia di sostanze chimiche essenziali, tra i quali sostanze neuroattive come l'acido Gamma-Amminobutirrico [ GABA ] e la serotonina, che agiscono sull'asse cervello-intestino.Infatti in altri studi preclinici si sono esaminati dei topi che dopo l'ingestione di L.Rhamnosus hanno mostrato dei ridotti punteggi a livello dell'ansia e un'alterata espressione centrale sia dai recettori del tipo GABA A e quelli del tipo B. Altri hanno evidenziato il legame tra immunità e batteri, attraverso l'azione delle citochine sistemiche che agiscono direttamente sul cervello e hanno suggerito che potrebbe esserci un meccanismo anti-infiammatorio. Sebbene un invecchiamento sano è associato a una gamma diversificata di questi organismi, gli individui che invecchiano in modo malsano hanno una gamma molto meno diversificata di batteri. Questi studi suggeriscono che la depressione è anche associata a una alterazione della flora batterica. I "psicobiotici" sono batteri buoni che hanno il potenziale per aumentare la diversità microbica e trattare i sintomi della depressione. Un altro studio mostra che in un gruppo di volontari che hanno ricevuto Lactobacilluss Helveticus insieme al B.Longum per 30 giorni, si sono segnalati livelli significativamente più bassi di stress rispetto a quelli che hanno ricevuto il placebo, così come ha ridotto significativamente i livelli di cortisolo urinario libero. Un altro studio di 124 volontari (età media 61,8 anni), ha mostrato che coloro che hanno consumato dello yogurt contenente probiotici per 3 settimane hanno avuto in modo significativo un miglioramento dell'umore rispetto a coloro che avevano ricevuto il placebo. Un altro studio ci ha mostrato che in un gruppo con la sindrome da stanchezza cronica, coloro che hanno ingerito Lactobacillus Casei per tre volte al giorno, avevano punteggi significativamente più alti di miglioramento in materia di ansia rispetto a coloro che avevano ricevuto il placebo. I ricercatori hanno fornito una revisione globale delle recenti e convincenti ricerche nell'asse microbioma-intestino-cervello e riassumo le prove dell'azione ansiolitica e antidepressiva dei bifidobatteri e dei lattobacilli nei roditori e nell'uomo dopo la loro assunzione come fermenti vivi. Il campo deve attendere uno studio su larga scala e studi clinici controllati con placebo per fornire la prova definitiva dell'evidenza clinica e per rilevare quali probiotici hanno un potenziale "psicobiotico".

Sali
LiveZilla Live Chat Software