“Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.“

Carenza di ferro

Anemia da carenza di ferro o anemia sideropenica

L’anemia da carenza di ferro o anemia sideropenica [dal greco: Sídēros (σίδηρος)= Ferro; e Penìa (πενία)= Povertà], è una malattia caratterizzata da un ridotto quantitativo di ferro nell’organismo.

Il ferro (Fe) è necessario perché fa parte della struttura di alcune proteine molto importanti tra cui l'emoglobina (Hb), una proteina globulare che si trova all'interno dei globuli rossi e consente di trasportare l'ossigeno dai polmoni alle cellule e di eliminare l'anidride carbonica.

L'anemia, secondo l'OMS, deve considerarsi accertata (diagnosticata) quando i valori di emoglobina nel sangue sono al di sotto di 12 grammi per decilitro (g/dL) nelle donne e di 13,4 g/dL negli uomini.

Il ferro, nell’organismo, è sempre legato a delle proteine specifiche che servono per immagazzinarlo (ferritina) e per trasportarlo (transferrina, lattoferrina) perché se fosse libero sarebbe tossico. Deriva, principalmente, dalla disgregazione dei globuli rossi invecchiati ed è riutilizzato nel midollo osseo per formare l’emoglobina presente nei nuovi globuli rossi. Solo in minor misura proviene dall’alimentazione. Il ferro introdotto con gli alimenti, infatti, è assorbito solo per il 5-10% dall’intestino: una parte, si lega a una proteina, chiamata apoferritina, che dà origine alla ferritina, la principale forma di deposito del ferro; l’altra parte, si unisce ad un'altra proteina, la transferrina, che ha il compito di trasportarlo e di facilitarne il passaggio all’interno delle cellule.

Globalfe (Scopri di più) propone in un’unica somministrazione giornaliera la quantità di ferro ottimale (ione ferroso 30 mg), alla luce dell’assorbilità del prodotto e dei livelli tollerabilità del nostro organismo che si traduce nel raggiungimento di livelli ematici fisiologici in breve tempo. Inoltre contiene al suo interno Acido Folico che stimola la produzione di globuli rossi e, oltre ad essere indicato per la gravidanza e l’allattamento, è un rimedio efficace a contrastare anche altre situazioni cliniche quali ad esempio celiachia, glaucoma, perdita udito, vaginosi batterica etc.

Sali
LiveZilla Live Chat Software