“Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.“

I luoghi comuni sul sonno

Quando contare le pecore non basta: i luoghi comuni sul sonno

C'è chi conta le pecore, chi beve tazzoni fumanti di camomilla, chi fa yoga e chi ginnastica per arrivare a letto distrutto dalla fatica. Poi c'è chi necessita della tv accesa, chi non sopporta neanche un filo di luce. Questi e tanti altri sono i metodi usati dagli italiani per prendere sonno. Almeno una volta nella vita, infatti, tutti hanno sofferto d'insonnia. Per questo sonio nate tantissime leggende e sono infiniti i rimedi ideati per combatterla.

Il sonno, come sappiamo, influisce moltissimo sul nostro umore, per questo chi non dorme bene le tenta tutte pur di riuscire ad addormentarsi. Spesso però, si finisce con l'esagerare e adottare comportamenti inutili. Si tratta invece di un problema serio. L'insonnia è un disturbo che porta a percepire il proprio sonno come insufficiente o inadeguato. Si manifesta in tre varianti: iniziale, centrale e terminale. La prima riguarda la difficoltà di prendere sonno. L'insonnia centrale subentra quando si è addormentati: si presenta sottoforma di microrisvegli o sonno molto leggero. La terminale consiste infine nel risvegliarsi presto al mattino dopo poche ore di sonno. I meccanismi che la determinano sono diversi, può infatti dipendere dal'età, dalle cattive abitudini, dall'ambiente in cui la persona vive e dal suo stato psicofisico, se affetta da malattie, disturbi, stress, o se reduce da un trauma o un lutto. Ma, in mezzo a tante leggende, esistono rimedi efficaci ?

(il sole 24 ore)

Benzodiazepine o antidepressivi non sono sempre la risposta efficace. I farmaci ipnoinducenti, inoltre, hanno il limite di non essere efficaci sul problema più ricorrente, quello dei risvegli prematuri e/o ripetuti nella notte. Questi disturbi, in particolare, se non trattati adeguatamente in fase iniziale tendono a cronicizzare (70% dei casi cronici di sonno insufficienti sono ascrivibili alla tipologia dei <<risvegli anticipati>>). Esiste una vasta casistica di disturbi del sonno dovuti a specifici momenti e/o condizioni (si pensi alla sindrome SAD di cui soffre in determinati periodi dell'anno il 10% della popolazione dei paesi alle latitudini più vicine al Circolo Polare Artico) su cui è bene intervenire per ridurne le conseguenze negative ed impedire fenomeni di cronicizzazione.

Per tutte le situazioni che comportano stati d'ansia occasionale e difficoltà di riposo notturnoSEREMATIN fornisce una risposta rapida e puntuale.

Sali
LiveZilla Live Chat Software